L' ISOLA DEI TESORI



Questo blog è la mia isola del tesoro, dove come tutti i pirati, anch'io ho nascosto uno scrigno nel quale ogni volta che torno da una delle mie scorribande in giro per i blog dei sette mari, ripongo tutte le cose preziose che ho rubato.
A volte sono le vostre golose ricette, altre le spettacolari fotografie, altre ancora le vostre strabilianti creazioni, e poi filastrocche e storielle, e altro ancora, insomma, non so resistere alle tentazioni!!!
Ma d'altra parte si sa, questo è lo spirito dei pirati, individuare la preda e poi ...all'arrembaggio!
E dopo il saccheggio, come nella migliore tradizione dei pirati, il tesoro viene comunque spartito con tutta la ciurma, e così anche io, dividerò con voi tutto quello che c'è nello scrigno. Quindi, se volete, potete frugarci dentro e prendere quello che più vi piace, e se per caso ci doveste trovare anche qualcosa di vostro, non vi offendete per questo, ma inorgoglitevi, vuol dire che quello che vi ho sottratto era indubbiamente prezioso!!!








venerdì 28 gennaio 2011


Il vestito di Arlecchino

Per fare un vestito ad Arlecchino
ci mise una toppa Meneghino,

ne mise un'altra Pulcinella,
una Gianduia, una Brighella
Pantalone, vecchio pidocchio,
ci mise uno strappo sul ginocchio,

e Stenterello, largo di mano,
qualche macchia di vino toscano.

Colombina che lo cucì
fece un vestito stretto così.

Arlecchino lo mise lo stesso
ma ci stava un tantino perplesso.

Disse allora Balanzone,
bolognese e dottorone:

"Ti assicuro e te lo giuro
che ti andrà bene il mese venturo
se osserverai la mia ricetta:
un giorno digiuno e l'altro bolletta".

2 commenti:

  1. Che bella questa poesia!! Si sente l'aria del carnevale.Ciao

    RispondiElimina
  2. Grazie, piace molto anche a me!!!

    RispondiElimina